Benvenuto sul sito Italiano

Abbiamo rilevato che potresti preferire il sito US. Se necessario, utilizza il menu a tendina delle lingue per modificare la scelta.

Stay in this territory

L’ultima versione del firmware per il registratore/regolatore nanodac è dotata di registrazione dei lotti

il registratore/regolatore Euroderm nanodac™ offre ora quattro canali di registrazione analogica di precisione dei batch, soddisfacendo facilmente i requisiti regolatori per l’accuratezza e la ripetibilità e i requisiti di registrazione dei dati del 21 CFR Parte 11. nanodac consente anche la registrazione di ingressi discreti e di allarme, comunicazione con altri dispositivi, risultati disponibili nel set di dati, firme elettroniche e registrazione dei dati dei lotti.

Un dispositivo ibrido come nanodac è dotato di controllo PID di alta qualità, inclusa la cascata avanzata con autotune. Queste unità possono controllare una storta o un’autoclave, incluso VSD, e registrare i risultati. Le dimensioni standard 96x96mm consentono la sostituzioni di vecci regolatori PID. Un display TFT di alta qualità garantisce un’interfaccia operatore perfetta per l’interazione e la visualizzazione degli allarmi.

Cos’è la Registrazione Batch?

I record batch fanno parte della cronologia delle registrazioni e sono identificati da messaggi scritti nel file della cronologia che indicano l’inizio e la fine di un batch, insieme a ulteriori informazioni testuali personalizzabili.

I lotti possono essere avviati direttamente dall’operatore, automaticamente al raggiungimento di uno specifico valore di PV, o da remoto tramite Modbus.

I batch possono essere definiti come Start/Stop o Continui. Per i lotti Start/Stop, il record batch inizia all’avvio del batch e continua fino a quando non viene arrestato. Per i batch continui, il record batch inizia all’avvio del batch e continua fino all’avvio del batch successivo o fino a quando la registrazione batch è disabilitata. Quando viene avviato un batch, nella cronologia viene incluso un messaggio di avvio nel formato: GG/MM/AA HH:MM:SS Avvio batch, dove GG/MM/AA è la data, HH:MM:SS è l’ora e il nome utente corrente, il livello di sicurezza (Tecnico, ad esempio) o “Modbus” se avviato in remoto).

Un messaggio simile viene scritto nella cronologia quando il batch viene arrestato. Non vengono scritti messaggi di arresto se il batch è in modalità continua. Oltre ai messaggi Start/Stop descritti è possibile scrivere fino a sei righe di testo nella cronologia all’inizio di un batch e, se necessario, alla fine del batch. I messaggi sono suddivisi in due parti, il descrittore di campo e il valore del campo.

I descrittori di campo vengono inseriti nei parametri da “Campo 1” a “Campo 6” nel menu Configurazione batch. I valori dei campi associati a questi descrittori vengono inseriti dall’operatore all’avvio. I descrittori di campo e il contenuto possono essere utilizzati per etichettare il lotto con informazioni identificabili, come il numero di lotto, il nome del cliente e così via. L’uso del “Campo 1” è obbligatorio per l’avvio di un batch ed è unico perché questo particolare campo può anche avere un valore PV popolato automaticamente se configurato in questo modo. Quanto segue mostra le opzioni nel menu Configurazione batch. Si noti che alcune opzioni non saranno disponibili a seconda del livello di sicurezza dell’utente connesso.

Ulteriori informazioni

E’ possibile trovare ulteriori informazione nel Manuale nanodac (HA030554 Iss 11) disponibile per il download qui.

Contattaci

close
close
Secured By miniOrange