Benvenuto sul sito Italiano

Abbiamo rilevato che potresti preferire il sito US. Se necessario, utilizza il menu a tendina delle lingue per modificare la scelta.

Stay in this territory

Eurotherm di Guanzate è la sede italiana più green della multinazionale Schneider.
Dall’impianto fotovoltaico la copertura del 40% del fabbisogno energetico aziendale

Eurotherm è la prima delle sedi italiane di Schneider Electric a diventare carbon neutral abbattendo le emissioni di anidride carbonica e di altri gas serra utilizzati nelle infrastrutture e nell’operatività dell’edificio.

L’azienda realizza da oltre 50 anni soluzioni di automazione industriale e controllo di processo per settori regolamentati e non, offrendo tecnologie che rispondono a esigenze specifiche. Per ottenere l’obiettivo Zero CO2 l’edificio, una struttura di 2000 metri quadrati costruita nel 1984 dove lavorano più di 60 dipendenti, è stato sottoposto a una riqualificazione energetica importante, tuttora in corso: i sistemi di riscaldamento e raffrescamento sono stati sostituiti con pompe di calore ad aria, l’illuminazione è stata ottimizzata per ridurne i consumi, adottando il 100% di lampade LED ad alta efficienza per l’illuminazione esterna e interna. Ad alimentare gli impianti, esclusivamente energia proveniente da fonti rinnovabili, con un mix energetico garantito dal contratto siglato con il fornitore. Il completo abbattimento delle emissioni dell’edificio evita la produzione di 90 tonnellate di CO2 ogni anno. L’impianto fotovoltaico, la conclusione dei lavori è prevista entro il 2022, consentirà di produrre circa 75 K kWh all’anno e di coprire più del 40% dei consumi energetici aziendali.

Guanzate Italy building Electric cars

“Entro il 2022, grazie a EcoStruxure Building Operation, gestiremo in maniera intelligente raffrescamento, riscaldamento e illuminazione dello stabile, oltre all’irrigazione del giardino, all’impianto fotovoltaico e alle stazioni di ricarica delle auto elettriche – afferma Giuseppe Mariano amministratore delegato di Eurotherm by Schneider Electric – Le sale riunioni ad esempio verranno riscaldate solo se ne è prevista l’occupazione e l’illuminazione si attiverà solo in presenza di persone. Avere a disposizione i dati relativi ai consumi delle varie aree dello stabile ci consentirà inoltre di effettuare analisi utili a ottimizzare ulteriormente i consumi energetici e a reagire senza ritardi in caso di malfunzionamenti, evitando sprechi e inefficienze.”

“Se vogliamo raggiungere gli ambiziosi obiettivi definiti dall’UE per il 2030, è necessario il contributo di tutti, e le imprese in questo scenario hanno una grande responsabilità – aggiunge Federica Negroni responsabile marketing Eurotherm – Dobbiamo fare “efficienza energetica”, utilizzando le migliori tecnologie disponibili sul mercato, avendo coscienza dei nostri consumi e agendo concretamente per ottimizzarli. A questo bisogna necessariamente aggiungere comportamenti consapevoli e responsabili degli individui: in Eurotherm quest’anno abbiamo previsto un modulo di formazione obbligatoria sulla sostenibilità per i dipendenti, desideriamo infatti che tutti siano consci dell’impatto che le azioni quotidiane dei singoli hanno sull’ambiente”.

Eurotherm Italy employees having breakfast

A Guanzate si persegue la sostenibilità anche con altre iniziative come la sostituzione progressiva dei 45 mezzi aziendali con veicoli ad alimentazione ibrida o elettrica che attualmente sono il 20% del totale e la disponibilità di stazioni di ricarica per veicoli elettrici, 10 i punti previsti entro il 2022. Scelte in linea con l’obiettivo di convertire entro il 2025 tutta la flotta aziendale globale in ottica green che Schneider Electric ha fissato aderendo all’iniziativa EV100. A questo si aggiungono le azioni volte alla riduzione dell’utilizzo della carta, all’eliminazione della plastica e al contenimento dei consumi idrici.

La versione completa di questo articolo è apparsa nel numero di dicembre 2021 di Imprese Como a firma Lea Borelli.

Contattaci

close
close